Il Ft, le banche e i media veneti

voice00

Secondo il Financial Times, che viene citato dal Corriere Veneto di oggi 31 dicembre 2015 in pagina 11, la situazione patrimoniale delle popolari venete è assai grave. Tanto grave da rischiare il cosiddetto ‘bail in’, ovvero la famosa formula di salvataggio interno a carico di azionisti, obbligazionisti e correntisti sopra i centomila euro. Proprio per scongiurare uno scenario del genere, sempre secondo il prestigioso quotidiano britannico, le circostanze potrebbero quindi portare tali istituti di credito verso una situazione di tipo greco; vale a dire una situazione in cui al momento dello sbarco sulle piazze degli affari si cercherà di collocare le azioni a prezzi stracciati. Con tutti gli annessi e i connessi in termini speculativi vien da dire. La notizia comunque è da annotare…

LEGGI L’INTERO COMMENTO DI MARCO MILIONI

Print Friendly

Caro socio ti scrivo, lettera aperta ai veneti

Dice, la trasformazione in spa di Veneto Banca e l’aumento di capitale da un miliardo van fatti perché altrimenti l’istituto salta per aria giacché ha sette miliardi di sofferenze… Ma allora, come diceva il buon Nino Frassica, delle due tre. O la banca è davvero malmessa e allora con un miliardo di aumento di capitale da votare sabato non si fa nulla. Oppure le sofferenze non sono vere, e allora qualcuno sta agitando lo spauracchio per obbligare i soci a ripianare un po’ di perdite per poi permettere ai nuovi padroni, abolito il voto capitario, di papparsi il tutto a prezzo di saldo. Oppure ancora, le sofferenze ci sono, la proprietà dopo sabato cambia, ma in seguito la Ue potrebbe dire ok, magicamente, a quegli aiuti di Stato che ci son stati per Mps, per le banche dell’Italia centrale e che invece non ci sono stati, fino a oggi per le popolari venete…

LEGGI L’INTERO POST DI MARCO MILIONI

Print Friendly

Popolari venete, ipocrisie e silenzi della stampa mainstream


La vicenda delle popolari venete sta giungendo ad una fase apicale. In un contesto assai critico tra pochi giorni, ovvero il 19 dicembre, i soci di Veneto Banca saranno chiamati ad una drammatica assemblea durante la quale dovranno scegliere, alla grossa, tra trasformare l’istituto in una spa (opzione caldeggiata dall’attuale cda, dai big di Confindustria, dai giornali a loro vicini e da alcune associaizoni dei piccoli azionisti o piccoli soci). O mantenerlo, almeno per alcuni mesi, con l’attuale assetto societario per poi trasformarlo ma dopo avere aperto tutti i cassetti, in modo da coniugare le esigenze dei piccoli risparmiatori con le aspettative dei grandi investitori. Rispetto a tale scenario si possono avere le opinioni più disparate.

LEGGI L’INTERO INTERVENTO DI MARCO MILIONI

Print Friendly

L’indiscrezione dall’intelligence: due big veneti coinvolti nell’affaire kazako

Intelligence

Due veneti, due importantissimi esponenti del gotha economico politico del Paese, sarebbero stati a conoscenza con un certo anticipo del blitz che nel 2013 portò la polizia italiana a fermare per poi espellere moglie e figlia del banchiere Muxtar Äblyazov. Di più i due oltre ad essere a conoscenza dell’operazione, l’avrebbero «in qualche modo benedetta» anche con l’aiuto di alcuni soggetti legati a doppio filo ai servizi segreti italiani. L’indiscrezione arriva da alcuni ambienti dell’intelligence militare americana di stanza nelle basi Usa-Nato del Veneto. E della cosa sarebbero bene informati anche i servizi americani e russi che operano sotto copertura delle rispettive ambasciate a Roma…

LEGGI L’INTERO APPROFONDIMENTO

Print Friendly

Caso BpVi, l’affondo di Ugone sul cda della banca

 

Luigi Ugone

«Noi che credevamo nella BpVi» da comitato spontaneo si trasforma in associazione giuridicamente registrata. L’annuncio lo hanno dato ieri sera a Lonigo in provincia di Vicenza Luigi Ugone, Daniele Marangoni e Mario Zambon, rispettivamente presidente, vice e segretario del gruppo (in foto da destra a sinistra), oggi associazione, che si era costituito questa primavera su Facebook allorquando era deflagrato il cosiddetto caso delle popolari venete. L’incontro, organizzato presso la sala convegni del municipio, ha visto la partecipazione di una settantina di persone. Si è parlato di alcuni casi personali, ma è stato fornito anche un resoconto dettagliato delle iniziative messe sul campo da “Noi che credevamo…”. Tra queste, fanno sapere Ugone, Marangoni e Zambon, c’è una serie di esposti in sede penale che hanno interessato diverse procure della repubblica del centro e del nord Italia. Di più, i relatori hanno anche parlato dei rischi collegati alla nuova legge bancaria che andrá in vigore dal primo gennaio 2016 la quale legge contempla la possibilità di risanare i bilanci delle banche in difficoltà con un prelievo sui correntisti con depositi superiori ai 100mila euro. Ugone tra l’altro ha stigmatizzato la recente nomina di Stefano Dolcetta quale neopresidente, contestando il fatto che tale nomina non sia espressione della assemblea bensì «del medesimo cda responsabile del rovescio imputato a Gianni Zonin & company». Lo stesso Ugone peraltro ha fornito ai presenti una rilettura molto critica della nota ufficiale con la quale Bankitalia il 27 ottobre di quest’anno aveva sentito il bisogno di fornire chiarimenti circa il suo operato dopo le critiche di omesso controllo che le erano piovute adesso in seguito al coinvolgimento dei vertici di BpVi nella maxi inchiesta della procura di Vicenza. Una nota che secondo i portavoce della associazione contiene molte indicazioni utili al proseguo della battaglia sia in sede di assemblea sia in sede giudiziaria. Ad ogni modo lo scenario rimane complicato da leggere. Da una parte non mancano coloro i quali sostengono che poiché Unicredit garantirà le azioni non riacquistate dai soci per un eventuale aumento di capitale (inoptato), sarà proprio quest’ultima a mangiarsi per quattro lire BpVi. Ma allo stesso tempo da Roma arrivano segnali di altro tenore. Segnali per cui Unicredit nel caso non voglia sostenere la spesa potrebbe chiedere aiuto allo Stato o a soggetti collegati come CdP. Se così fosse sarebbe uno smacco per i risparmiatori beffati perché si creerebbe una condizione per cui l’ente pubblico non può indennizzare i risparmiatori colpiti che col loro sangue ripianano le perdite della banca e al contempo finanzia, seppur indirettamente, il soggetto che in qualche modo fa da veicolo perché il grande capitale acquisti al prezzo di saldo una banca ripulita dagli azionisti, che risulterebbero becchi e bastonati. Va detto che il presidente di BpVi Stefano Dolcetta predica fiducia. «Dolcetta, chi pensa sottoscriva l’aumento di capitale? Fra i vecchi soci c’è diffidenza». Si domandava Piero Ceccatelli su La Nazione del 30 novembre. La risposta è improntata alla più grande sicumera: «Saranno i fondi d’investimento ad acquisire la maggior parte del capitale. A Unicredit che si è impegnata ad acquisire l’inoptato non resterà molto».

Print Friendly

Dubbi e spettri

Che cosa sta succedendo in Francia? che cosa sta succedendo in Medio Oriente? Quali e quante carte si stanno rimescolando? E chi sono i mazzieri? Non bastavano gli attacchi mortali portati nella capitala transalpina. Adesso sembra facciano capolino nuove e strane alleanze tra la destra di area lepenista e quella di area sionista. Sì c’è anche questo all’orizzonte anche se non si tratta di una novità in senso storico giacché l’appoggio di un pezzo importante della elite ebraica alla ascesa del fascismo, per esempio, è un fatto storicamente assodato. Il silenzio pressoché assordante con cui i media hanno liquidato l’anniversario della morte di Yitzhak Rabin (con la eccezione di un bellissimo commento di sul Corsera di Etgar Keret) è desolante. Come se quel vuoto sia divenuto cassa di risonanza degli attentati in cui hanno perso la vita decine e decine di persone. Sull’Isis si è scritto molto. E molto si continuerà a scrivere. Ma fino a quando l’opinione pubblica non avrà quel minimo di bagaglio utile a capire gli interessi in gioco, quelli confessabili e quelli incofessabili, il sacrificio di esseri umani continuerà ad essere una statistica di morte, lo spunto per un titolo d’agenzia. Un sacrificio che sarà ancor più aberrante di un caduto in guerra. La quale per quanto orribile avrebbe, o aveva, un suo codice e un suo senso…

Marco Milioni

Print Friendly

Banche che passione

Ieri, 17 ottobre, su Il Fatto a pagina 8 il bravissimo Giorgio Meletti fa una summa delle rogne che stanno divorando il sistema bancario italiano. Sono tutti argomenti conosciuti, in parte comuni ad altri Paesi, ma la penna del cronista mette in sequenza i fatti in modo esemplare. Ne esce uno spaccato nero per l’Italia, in cui la incapacità dei manager sommata alla pratica di concedere crediti agli amici degli amici, dei politici, dei finanzieri e dei mafiosi, ha generato una situazione spaventosamente instabile…

LEGGI L’INTERO POST DI MARCO MILIONI

Print Friendly

Caso Imam, la stampa veneta ha fatto flop

Flop!

Oggi Vvox.it pubblica un mio approfondimento sul caso dell’Imam scledense che è stato espulso dal nostro Paese su decisione del Viminale. Ho ritenuto opportuno sentire direttamente il questore di Vicenza e il dirigente della Digos affinché dal loro autorevole punto di osservazione fosse chiaro un concetto. L’algerino, almeno al momento, non è stato colpito da alcun provvedimento penale né da accuse di terrorismo. È stato allontanato solo perché il suo comportamento è stato ritenuto in conflitto con il testo unico sulla immigrazione.

LEGGI L’INTERO POST

Print Friendly

L’Espresso incrocia Zonin

Gianni Zonin

(m.m.) L’Espresso in edicola oggi mette a punto un lungo resumé sulla vicenda BpVi. E lo fa con un servizio a firma di Vittorio Malagutti a pagina 60: controllori che incrociano troppo spesso le strade dei controllati; porte girevoli tra uomini delle istituzioni ed incarichi presso l’istituto di via Framarin; i contatti del dominus della banca Gianni Zonin con alcuni ambienti politici siciliani molto chiacchierati; i fondi di investimento utilizzati in maniera ancora da decifrare e le segnalazioni che per anni non hanno allertato chi doveva controllare. Per chi volesse farsi una bella infarinata sull’affaire BpVi oggi troverà un sunto assai utile.

LEGGI L’APPROFONDIMENTO DE L’ESPRESSO

Print Friendly

BpVi, Adusbef invoca l’arresto di Zonin

«Alla luce delle… malversazioni praticate ai danni di clienti e soci della Banca Popolare di Vicenza… la dirigenza storica della banca dovrebbe essere chiamata a rispondere di falso, estorsione e truffa pluriaggravati e continuati in concorso. Ed è francamente scandaloso ed intollerabile che inquietanti figuri che occupano da troppi anni i piani alti di Battaglione Framarin nonostante l’apertura delle indagini, dovute – questa é l’impressione forte – più che dal crescente malcontento dei clienti depauperati, da qualche inchiesta televisiva delle ultime ore, siano ancora non solo a piede libero, ma addirittura al loro posto ai vertici della banca: la Procura della Repubblica di Vicenza in queste sta assumendo un altissimo rischio, non é dato sapere quanto calcolato, omettendo di richiedere provvedimenti restrittivi della libertà personale in funzione cautelare nei confronti di Gianni Zonin, del consiglio di amministrazione presente e passato e di quanti per interesse ed opportunismo… hanno retto il mantice». Non usa mezzi termini l’associazione dei consumatori Adusbef che oggi ha diramato un dispaccio al vetriolo (scaricabile anche in pdf) che ha come bersaglio l’istituto berico. E così sull’affaire Zonin la polemica non si arresta. Ma quello di Adusbef suona anche come monito nei confronti della procura. Oggi tra l’altro parla del caso Vicenza anche la Stampa di Torino. «Nell’ennesima storia italiana di risparmio tradito – così comincia l’approfondimento firmato da Gianluca Paolucci pubblicato a pagina 18 – c’è la madre vedova di un disabile che aveva investito il “tesoretto” per garantire un futuro al figlio. L’anziano che ha bisogno dei soldi per pagare la badante e non sa come fare. Quello che si è fatto prestare i soldi dalla banca per comprare le azioni della banca e adesso la banca chiede indietro i soldi del prestito ma lui non può vendere i titoli. E tante famiglie e imprenditori, grandi e piccoli, che ci hanno investito i risparmi». L’analisi prosegue mettendo a fuoco diverse tematiche tra le quali quella della impossibilità di vendere le azioni, indipendentemente dal problma della loro perdita di valore.

Print Friendly
Cerca
Calendario
maggio: 2017
L M M G V S D
« Apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Archivio
Esenler temizlik şirketleri porno Bakırköy temizlik şirketleri