Contributi, “schei” e ombre varie

Marino Finozzi, fiore all’occhiello della Lega nell’alto Vicentino è il biglietto da visita del Veneto all’estero giacché riveste la carica di assessore regionale al turismo. Lo stesso Finozzi è indagato per truffa. Sempre Finozzi ha ricevuto un contributo di 3.000 euro da Franco Masello (Il Giornale di Vicenza del 10 aprile 2012, pagina 8), il quale è divenuto presidente di Veneto Promozione, società pubblica collegata alla regione sulla quale sovrintende proprio l’assessorato al turismo.

LEGGI L’INTERO CORSIVO SU VICENZAPIU.COM

De profundis Sinergie Italiane società verso la liquidazione

Il bel giocattolo va alla rottamazione. Per Sinergie Italiane è stata annunciata l’eutanasia. Il 28 marzo scorso l’assemblea dei soci ha deliberato la ricapitalizzazione della società specializzata nell’acquisto di gas dai grandi operatori. Ieri i soldi sono stati versati ed è stata anche comunicata la data del 13 aprile come ultimo atto: in quella data si voterà, in una nuova assemblea, per la liquidazione in bonis. Ognuno andrà per conto suo, come voleva da mesi Iren e come di recente aveva deciso di fare anche Ascopiave, la utility trevigiana che aveva partorito questa creatura durante la gestione Salton. Ora, cambiati i vertici in modo traumatico (è noto il contenzioso in corso con l’ex presidente) c’è la volontà di smontare quanto costruito in passato e di voltare pagina.

LEGGI L’INTERO SERVIZIO DEL CORVENETO IN FORMATO TESTUALE
LEGGI L’INTERO SERVIZIO DEL CORVENETO IN FORMATO PDF

Parole dirette e silenzi storti

«La disastrosa prova dell’amministrazione uscente imponeva una reazione civile per non far precipitare il nostro paese nella confusione e nell’avvilimento… ho deciso di raccogliere la domanda che molti cittadini mi hanno rivolto nei mesi scorsi stanchi di beghe e conflitti e desiderosi solo di essere governati… I problemi e le dei cittadini non possono aspettare e non possono essere sacrificati alle diatribe di nessuno». È questo uno dei passaggi fondamentali del manifesto elettorale di Enrico Storti…

LEGGI L’INTERO CORSIVO SU VICENZAPIU.COM

Il bello e il brutto della memoria

Era il 26 marzo 2008 quando su LaSberla.net facevo qualche riflessione in libertà sulle imminenti elezioni comunali in calendario a Vicenza. In quel corsivo, allargando la visuale allo scenario nazionale e internazionale, tracciavo, tra le altre, tempi e modi del declino della Lega. In gran parte quelle previsioni sono state azzeccate. Si tratta di capacità divinatorie? No di certo. Quelle conclusioni erano la somma di impressioni, scricchiolii, chiacchiere da corridoio della politica. Segnali che chiunque dotato di un po’ di fiuto, dopo avere letto Il Gattopardo o assimilabili, avrebbe più o meno interpretato come me. Tanti quelle cose le sapevano già. Pochissimi hanno voluto scriverle. La domanda però è un’altra. Ma è possibile che l’opinione pubblica, come la classe dirigente del resto, non riesca ad imparare dalla storia? Da questo punto di vista Massimo Fini ha ragione per l’ennesima volta quando afferma che le conoscenze e le competenze dei padri sono facilmente superabili dai figli giacché si sommano. Le qualità etiche però non si sommano mai, anzi spesso si perdono.

Marco Milioni

Spv, pochi soldi per le opere complementari

Il Giornale di Vicenza del 3 aprile, a pagina 7, riportava in un articolo a firma dell’inviata Roberta Bassan la situazione paradossale di Veneto Strade. Il commissario Vernizzi AD della società che gestisce la rete stradale regionale certifica la mancanza di soldi e l’impossibilità di rispettare le decine di accordi sottoscritti a margine del progetto della SuperAutoStrada Pedemontna Veneta. Qualcuno non vuole riempire le casse al Commissario dimezzato che oltre ad essere attaccato dai ricorsi dei cittadini e di qualche sindaco coraggioso, forse sta subendo un regolamento di conti tra i vertici regionali. Il buon senso di qualcuno avrebbe compreso che Vernizzi è il braccio di Galan-Chisso-Sartori, il quale piuttosto che rispondere agli epigoni lumbard, risponderebbe ad una galassia di interessi fuori dall’ambito politico-istituzionale dell’attuale vertice regionale.

LEGGI L’INTERO CORSIVO DI MASSIMO FOLLESA

Baruchello indagato: etica pubblica, questa sconosciuta

L’amministratore di un’azienda pubblica commissiona una serie di lavori nella sua abitazione privata ad una ditta che vince un appalto proprio nell’azienda di cui sopra. Il dubbio sorge spontaneo: e se dietro ci fosse uno scambio? E’ la tesi accusatoria della procura di Verona contro Valter Baruchello, amministratore unico in quota Pdl di Ferrotramvie Vicentine (i pullmann di proprietà della Provincia di Vicenza), e Diego Nicolini della “Gestione Nicolini Srl”, già noto per un’inchiesta su esumazioni irregolari in alcuni cimiteri vicentini.

LEGGI L’INTERO CORSIVO SU NUOVAVICENZA.IT

Cadore e curiosità

«Andremo davanti al Tar per chiedere la sospensione de provvedimento». Così si esprimeva l’avvocato Massimo Pecori, noto per il suo ruolo di assessore agli affari legali nel capoluogo berico, in un servizio pubblicato dal GdV il 4 gennaio 2011 in pagina 30. Al centro della questione c’è un contenzioso a base di carte bollate tra la conceria Cadore da una parte; Arpav e provincia di Vicenza dall’altra. Pecori, sempre secondo il GdV patrocina gli interessi della ditta in sede amministrativa…

LEGGI L’INTERO CORSCIVO SU VICENZAPIU.COM

Eppur si muove

In un quadro economico e politico che sembra inchiodato intorno ai boss noti, qualcosa (e che cosa!), si muove per volontà dei padroni veri del vapore vicentino. E’ passato di fatto inosservato, quasi fosse il suo tranquillo e naturale erede, l’arrivo sulla poltrona maxima di Palazzo Bonin Longare di Giuseppe Zigliotto come successore di Roberto Zuccato, di cui il neo presidente è socio in Ares Line. Eppure quell’arrivo potrebbe avere effetti devastanti sugli equlibri di potere in città.

LEGGI L’INTERO CORSIVO SU VICENZAPIU.COM

Viva la… piga

(m.m.) Sin da ragazzino mi è sempre piaciuto fotografare macchine operatrici e trattori, immagini che spesso uso come sfondo per il mio pc. Oggi passeggiando per via Meschinelli, angolo via Quadri ne ho scorta una bellissima in un cantiere comunale. Lì sorgerà un parcheggio pubblico. Una volta immortalato il bestione da 400 cavalli e passa ho però notato che la flotta aziendale cui appartiene la bella betoniera è quella della Vibeton. Domanda da ignorante. Ma non è la ditta del tycoon del calcestruzzo Romano Pigato? Ma il di lui figliolo non siede in consiglio comunale a Vicenza nella lista civica “a 360 Gradi”? Ma il deus ex machina della lista non è tal Claudio Cicero, consigliere comunale assieme a Pigato e consigliere delegato alla mobilità? Ma non è proprio Cicero che sta seguendo la pratica del minipark di via Meschinelli? Proprio quella che è stata al centro di una querelle sollevata dal consigliere comunale Francesco Rucco del Pdl? Viva la primavera, viva la vita e viva la… piga. Ma in quanti altri cantieri comunali o paracomunali la Vibeton ha usato macchine così belle?

Fra Bacchiglione e Brenta

«Larga parte degli abitanti della Comunità metropolitana di Padova vive oggi in un territorio che non è né urbano né rurale, in una estesa nuova periferia in cui nel corso degli ultimi decenni è stata realizzata una fitta rete di nuove impattanti infrastrutture viarie e tecnologiche, e dove sono disordinatamente sorti nuovi insediamenti commerciali, produttivi e residenziali. Una dispersione insediativa che genera costi insostenibili per le pubbliche amministrazioni e che nel contempo non è in grado di assicurare una soddisfacente qualità dell’abitare, delle relazioni sociali e del vivere quotidiano». Sono queste le premesse con le quali un gruppo di associazioni e comitati a partire dal febbraio del 2012 sta lavorando ad un protocollo di intenti per la ideazione di un «Parco agropaesaggistico metropolitano» fra Bacchiglione e Brenta.

LEGGI L’INTERO POST SU SALVIAMO IL PAESAGGIO.IT

Cerca
Calendario
settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
Archivio
Esenler temizlik şirketleri porno Bakırköy temizlik şirketleri