Colomban, da Zaia a Raggi passando per il Mose, la Tav, le olimpiadi e la Spv

Massimo Colomban
«Completamento infrastrutture: i grandi raccordi a nord dell’Allemagna e della Valdastico che và altresì raccordata a sud… L’alta velocità… fra Torino e Trieste… la Pedemontana Veneta o Spv… La Romea commerciale, ma direi una Romea che colleghi fino a Roma… il Veneto come un’area metropolitana fatta di centri e poli in rete… Venezia deve completare il Mose, senza più ritardi… finanziare le energie alternative con l’uso di biomasse… aumentare l’indice di edificabilità… Olimpiadi 2020, dovremmo comunque vada la scadenza, fare nel 2020 le Venetiadi, una scadenza ed un impegno per far decollare il Veneto…». Queste poche righe, in cui si parla anche della Romea commerciale nota anche come Orte Mestre, sembrerebbero uscire dalla bocca di qualche fan azzurro in piena era era Galan o dalla bocca di qualche supporter della democratica Alessandra Moretti, già deputata, già eurodeputata oggi capogruppo del Pd in Regione Veneto. E invece no. Si tratta di un estratto dal programma elettorale di Massimo Colomban, imprenditore col cuore liberale e di centrodestra che nel 2010 si candidava (poi trombato) alle elezioni regionali assieme a quel centtrodestra fatto da azzurri e Lega che avrebbe portato allo scranno di governatore il leghista Luca Zaia (che da anni di Colomban è amico) e a quello di assessore ai trasporti quel Renato Chisso del Pdl poi finito nell’affaire Mose assieme all’ex governatore azzurro Giancarlo Galan….

LEGGI L’INTERO POST DI MARCO MILIONI

Print Friendly

2 Commenti a “Colomban, da Zaia a Raggi passando per il Mose, la Tav, le olimpiadi e la Spv”

Lascia un Commento

Cerca
Calendario
settembre: 2016
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Archivio
Esenler temizlik şirketleri porno Bakırköy temizlik şirketleri