Ferrari, Santich e la prescrizione

Che fine ha fatto la clamorosa inchiesta sul crac Thermoplast di Orgiano nel Vicentino? Le ultime novità in questo senso le ha raccontate Il Giornale di Vicenza con un servizio del 15 gennaio dell’anno scorso a pagina 34. Nell’articolo a firma Ivano tolettini si legge: «L’inchiesta della procura era stata avviata su segnalazione della curatela che fin da subito aveva ravvisato gravi irregolarità nei confronti dell’imprenditore Gaetano Ferrari, indagato per concorso in bancarotta fraudolenta assieme ad altre persone. Le indagini della polizia tributaria della guardia di finanza sono coordinate dal pm Luigi Salvadori, che è prossimo a inviare gli avvisi di conclusione delle indagini. Quest’ultime svolte anche all’estero sono complicate dagli intrecci societari. Tant’è che il giudice civile ha autorizzato il sequestro conservativo anche sulle quote della cassaforte di Ferrari, Il Palazzetto spa, cedute a Kompass Limited Liability Company con sede negli Stati Uniti il 18 giugno 2007». Tra gli indagati per il crac Thermoplast un ruolo importante lo riveste Umberto Santich, consulente fiscale laziale, il quale è anche coinvolto in una vicenda giudiziaria che ha fatto scalpore nella capitale, ovvero l’affaire Orsi. Epperò da più di un anno sui media vicentini non c’è traccia di una vicenda che ha avuto una eco possente anche nel mondo del lavoro poiché le travesìe aziendali hanno comportato la perdita del posto per un centinaio di persone. Del caso se n’era occupata anche la Camera dei deputati con una interrogazione della onorevole Laura Castelli del M5S. Sullo sfondo però rimane un enigma tutto da decifrare. La procura come cercherà di dribblare le insidie della prescrizione? Per la bancarotta fraudolenta infatti il periodo oscilla tra i dieci e i 12 anni e sei mesi. Gli inquirenti riusciranno a completare le indagini? E i magistrati saranno in grado di chiudere i processi per tempo?

Print Friendly

Da Fini a Mannino due libri da leggere

Nel giro di qualche giorno due libri hanno incrociato la mia traiettoria. Il primo è «Mare Mostrum», un’inchiesta tosta dell’amico Alessio Mannino: un argomento che quando è trattato senza infingimenti è un vero e proprio tabù. Alessio ne ha parlato con i suoi lettori giovedì a Badia Polesine al caffé libreria Antica Rampa, durante un incontro moderato da Caterina Zanirato (in foto a sinistra, a destra Mannino direttore di Vvox.it), la giornalista de Il Resto del Carlino, la quale ha stimolato e vivacizzato la discussione gettando un ponte tra l’autore e le considerazioni del pubblico. Sempre Alessio invece in questi giorni si è cimentato in una recensione dell’ultimo libro di Massimo Fini («Una vita. Un libro per tutti. O per nessuno»). Un attestato di amicizia oltre che una sinossi che senza fronzoli parla della “osmosi finiana” grazie alla quale Alessio ha deciso di avvicinarsi al «mestieraccio» del giornalismo.

Print Friendly

La Tav? Una tavanata galattica

Bisogna fare i complimenti agli organizzatori della tavola rotonda sul passaggio della cosiddetta Tav nel capoluogo berico. Un auditorio stracolmo come quello di ieri a villa Tacchi è la prova che c’è una Vicenza la quale non si accontenta delle verità preconfenzionate cucinate da giornali compiacenti. Un bravo particolare va alle donne che erano presenti in massa. Lo stesso non si può dire dei giovani. Assenti e ormai ridotti ad una schiatta di decerebrati a caccia dell’ultimo tweet o dell’ultima app. Ma tant’è… Basterebbe riascoltare le parole dell’ingegnere Guglielmo Vernau, del cronista Giulio Todescan, della professoressa Francesca Leder dell’università di Ferrara o dell’ex magistrato Livio Pepino, per ridere a crepapelle. Giacché i tre in mezz’oretta hanno smontato, anzi messo in ridicolo il progetto ferroviario caro alla giunta di centrosinistra e spalleggiato dalla minoranza di centrodestra. Come si suol dire a palazzo Trissino invertendo le chiappe il prodotto non cambia… diceva Alvaro Vitali.

Print Friendly

Hera penetra nel tessuto veneto

Il Gruppo Hera ultimamente è transitato molte volte sui media nazionali. Dal caso stipendi al caso Bologna sino all’affaire coi “Cosentino’s” con cui si intessevano fior di businesses in Hera comm mediterranea, partecipata di Hera. Così su questa multiservizi a maggioranza pubblica quotata in borsa, tra le più potenti del Paese, dopo l’esplosiva puntata recentemente mandata in onda da Report, tornano ad addensarsi nubi nerissime. Basti pensare a quanto scrive il Corriere della Sera con un articolo a firma di Fiorenza Sarzanini nel quale si approfondiscono i rapporti tra la multi servizi emiliana e Filippo De Angelis, il dominus in tema di finanza in seno alla cupola di «Mafia Capitale», scoperchiata dalle indagini. O basti pensare a quanto scrivono alcuni blogger indipendenti.

Ad ogni modo da anni Hera ha avviato un percorso di penetrazione nel Veneto sulla direttrice Rovigo Padova. Politicamente un pezzo del Pd Veneto ha da sempre favorito questa traiettoria. Ma anche l’entourage dell’assessore regionale veneto Isi Coppola del Pdl, recentemente decaduta dalla carica di consigliere per una storiaccia di contributi elettorali mal dichiarati, guarda ad Hera con molto interesse.

La Coppola, suo il referato all’economia, è da sempre vicinissima a Renato Chisso, ex assessore alle infrastrutture del Pdl, delega finita proprio a Coppola, quando quest’ultimo è caduto in disgrazia dopo gli arresti del caso Mose. Ora la domanda nasce spontanea. Ma la classe dirigente veneta è proprio contenta di questa penetrazione in regione di un colosso come Hera sul quale mai come oggi si sono materializzati spettri d’ogni tipo?

Print Friendly

Il ruggito di Maurizio

LandiniRenzi01

Finalmente. Finalmente c’è un protagonista della vita politico sociale di questo cavolo di Paese che mette il premier democratico Matteo Renzi con le spalle al muro di fronte alle sue ambiguità, ai suoi silenzi, alle scelte sbagliate e in malafede. Maurizio Landini con il peso della sua Fiom ha piazzato sul capo del primo ministro un macigno nel quale sono contenute tutte le storture ed i doppiogiochismi, i paraculismi di una classe dirigente che dall’ultimo governo Berlusconi passando per Monti, Letta sino all’omino di Pontassieve, fa e disfa le sorti dello Stato. Affidando al palco le pantomime del teatrino della politica e al retropalco la greppia delle trattative, degli scambi, delle combutte di alta, media e infima pezzatura. L’uscita di Landini è un calcio nei coglioni all’Italia dei retrobottega, all’Italia degli adepti della Grande mammella, il quale aiuta a fare pulizia sugli schieramenti in campo, sulle partite in gioco sui patti più o meno indecenti, più o meno inconfessabili. Ora con Landini si potrà discutere su tutto. Essere d’accordo o non d’accordo su tutto o su nulla. Ma al leader della Fiom va riconosciuto carattere, carisma ed una visione intellettualmente onesta del suo orizzonte. Il lancio dell’Ansa di alcuni minuti fa in cui si dà conto della uscita di Landini, rende sul piano iconografico ed emotivo, più che su quello eminente politico, la portata della sua uscita.

Print Friendly

Una giornata pesante

I media di oggi, sia veneti sia nazionali, pubblicano alcuni articoli niente male che occorrerà ricordare con cura. Il primo è una analisi di Giannantonio Stella sul fallimento del premier democratico Matteo Renzi. Oggetto del contendere? Lo strapotere dei superburocrati. Ne parla il Corsera in prima pagina. Il secondo (Corriere del Veneto, edizione di Vicenza in pagina 2) riguarda il risiko autostradale che è in pieno svolgimento nel Veneto e che ha al centro la Brescia Padova. Il sindaco di Verona, il leghista Flavio Tosi, sbraita contro l’ipotesi che la società autostradale finisca in mano agli spagnoli. Nel suo esternare si dichiara in piena sintonia con Confindustria, la quale sulle grandi opere è in piena sintonia col Pd (così sostiene il suo segretario regionale Roger De Menech). Tosi per caso ha paura che qualche appalto finisca in mani diverse dalle solite? E la politica che dice?

LEGGI L’INTERO POST

Print Friendly

Ellero: liste di proscrizione per chi delocalizza

«Da troppo tempo, spesso a vanvera, si parla delle imprese italiane che senza troppi scrupoli delocalizzano all’estero, per ragioni di profitto, l’intera attività o cospicue forniture, magari anche grazie a contributi pubblici. Il che comincia ad avere conseguenze devastanti sul piano sociale». Comincia con queste parole un durissimo comunicato diramato pochi minuti fa dal professor Renato Ellero. L’ex senatore, da anni in dura polemica con larga parte dell’establishment del Belpaese, punta l’indice contro le società che si trasferiscono oltreconfine per ragioni di guadagno ed invoca la gogna mediatica: «La puntata di ieri di Report non è che l’ennesima conferma di questo andazzo. È quindi giunto il momento di dare contezza all’opinione pubblica di chi si macchia di condotte del genere, che sul piano etico sono intollerabili. Ma come fare? Una soluzione intelligente sarebbe quella di creare una lista di proscrizione on-line, una black list come la chiamano gli anglosassoni, con l’elenco degli imprenditori e delle imprese che hanno messo in atto procedure di delocalizzazione a danno della manodopera italiana. Il tutto con l’esplicito invito al boicottaggio dei marchi senza senza scrupoli». La nota si chiude con un ultimo affondo: «Vedremmo a questo punto come reagirebbero lorsignori, di fronte a debacle in borsa o nelle vendite. In questo senso sarebbe simpatico sapere che cosa pensi al riguardo il premier Matteo Renzi. Ad ogni modo sfido qualunque partito, movimento o associazione a rendere la conoscenza di tale lista al maggior numero possibile di cittadini italiani. Se poi questi cittadini vogliono continuare ad acquistare da questi imprenditori, non si lamentino poi delle conseguenze sul nostro sistema economico». Si tratta di parole pesanti che giungono in un momento particolare, giacché diverse voci che arrivano da Montecitorio descrivono una svolta clamorosa relativamente alla richiesta di patteggiamento avanzata da Giancarlo Galan, il quale sarebbe segretamente pronto a ricorrere in Cassazione per prolungare la sua presenza alla Camera.

Print Friendly

Il Sole 24 ore e la BpV

bank

L’esito dei cosiddetti stress test sul sistema bancario ha avuto uno strascico di polemiche a Vicenza. Soprattutto in ragione di una serie di servizi pubblicati da Il Sole 24 Ore che non hanno dato molto lustro all’istituto berico presieduto da Gianni Zonin. Per gli appassionati del genere, gli studiosi o i semplici curiosi ho preparato una mini carrellata stampa che può essere consultata facilmente qui di seguito.

IL SOLE 24 ORE PRIMO SERVIZIO
IL SOLE 24 ORE SECONDO SERVIZIO
IL SOLE 24 ORE TERZO SERVIZIO
IL SOLE 24 ORE QUARTO SERVIZIO
VICENZAPIU.COM

Print Friendly

Quattro chiacchiere

Il 17 ottobre ho voluto fare quattro chiacchiere con Francesco Celotto, un ex attivista di spicco in seno al M5S del Veneto. Gli addebiti dei suoi ex compagni di strada e le repliche dello stesso Celotto hanno trovato parecchio spazio sui media. Così ho cercato di fare il punto della situazione. Ne sono uscite due interviste, una prima in formato video in cui si affrontano i temi della politica regionale. E una seconda, in formato audio, in cui si approfondisce la materia della crisi ucraina in relazione alle sanzioni economiche contro la Russia. Sanzioni che stanno avendo pesanti effetti collaterali verso l’export veneto.

Print Friendly

Dal Lazio con furore

Il Giornale di Vicenza in più d’una occasione ha raccontato le vicende sindacali e giudiziarie relative al crac della Thermoplast, una impresa di Orgiano nel Vicentino. Vicende che oltre al dramma per la perdita del posto di lavoro si sono dipanate sia sul piano civile che su quello propriamente penale. Secondo le cronache del GdV tra gli indagati figura anche il consulente fiscale Umberto Santich. Ed è proprio su quest’ultimo che di recente si sono accesi i riflettori della ribalta nazionale poiché il professionista di origini laziali viene preso di mira da una lunga interrogazione parlamentare redatta dal deputato Laura Castelli del M5S. Nel documento, pubblicato pochi giorni fa sul sito della Camera, proprio in relazione a Santich, si legge che: «… l’amministratore della Plast Echology Umberto Santich è persona già nota alle cronache giudiziarie da tempo; in particolare Daniele Autieri nel suo recente libro la Provvista cita più volte Santich per le sue società di copertura di attività presumibilmente illecite…» in una vicenda relativa ad una dubbia gestione di fondi in dote alla «Regione Campania». Fondi destinati «a favore di bambini handicappati». Nella medesima interrogazione si tracciano poi una serie di scenari e di incroci societari che allungherebbero l’ombra di Santich fino alle sfere governative. L’onorevole Castelli nel suo documento menziona, tra le altre, anche l’affaire Orsi, scandalo che un paio d’anni fa investì l’amministrazione comunale romana di centrodestra, allora guidata da Gianni Alemanno.

Print Friendly
Cerca
Calendario
febbraio: 2015
L M M G V S D
« gen    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
232425262728  
Archivio
Esenler temizlik şirketleri porno Bakırköy temizlik şirketleri